venerdì 24 marzo 2017

Uovo di Pasqua di SOLE: una

storia lunga 14 anni  

 
Può  un uovo di cioccolato legarsi indissolubilmente  alla storia di persone e luoghi ?
Si! È  il nostro famoso uovo SOLE. Da quattordici anni ricompare ad ogni Pasqua, cambiano gli incarti, le sorprese  e da ultimo anche il produttore .
Quello che rimane immutata è  la qualità : tutti gli ingredienti e la sorpresa sono EQUOSOLIDALI. 
Fin dal primo anno la nostra scelta è  stata di realizzare un uovo dove nessun bambino,uomo o donna venisse sfruttato.  
Non  è ammissibile  che per sostenere i progetti di cooperazione, si utilizzino prodotti dove è  presente una forte componente  di sfruttamento come nel caso del cacao.
Fino a due anni fa le nostre uova erano certificate Fair Trade , poi siamo passati a Libero Mondo cooperativa sociale del commercio equosolidale. 
Questo è  il nostro tratto disitintivo.Grazie a questo dolce cioccolato  negli anni abbiamo realizzato molti progetti, o meglio opportunità.  Borse di studio per ragazze e donne, l'orfanotrofio a Mepanhira e soprattutto  l'asilo Girassol.
Questa estate vedere i bambini sorridenti  mangiare, imparare i primi rudimenti della scrittura e pensare che tutto è  iniziato da un semplice grande uovo di cioccolato è  sempre emozionante.
Anche quest'anno ritorna l' uovo, più grande ben 280 g. Il ricavato della vendita è  destinato all'asilo Girassol di Metoro in Mozambico. 
Il dolce cioccolato si trasforma  in cibo, materiale didattico, stipendi per i maestri.

Grazie a chi acquisterà  l' uovo SOLE. 


ORIGINI DIVINE DEL CIOCCOLATO
Migliaia di anni fa Maya e Atzechi lasciavano fermentare le fave del cacao per alcuni giorni e poi vi aggiungevano di volta in volta diversi ingredienti come mais, miele, vaniglia, erbe, fiori, pepe o peperoncino. Infine è sempre presente l’acqua.
La prima cioccolata, per i Maya “kakaw”, per gli aztechi “xocolatl”, si gustava perlopiù fredda ma anche calda, però era consentita solo a nobili e sacerdoti. Era utilizzata anche nei riti religiosi e la si offriva come ultima bevanda ai prescelti vittime di sacrifici umani da immolare alla benevolenza degli Dei.
Coloro che coltivavano e raccoglievano le fave del frutto presunto dono degli Dei all’uomo, non potevano assaporare il divino seme pena la morte.
Le fave di cacao venivano inoltre utilizzate come moneta locale, così con 100 semi, si poteva acquistare uno schiavo. Nel tesoro dell’imperatore azteco Montezuma si potevano contare quasi un miliardo di fave.
LE ORIGINI DELL’UOVO DI CIOCCOLATO.
Già nel 5000 a.C. tra i Persiani in occasione dell’arrivo della primavera, si usava regalarsi uova di gallina. Per gli uomini l’uovo ha sempre rappresentato la vita, la primavera, la rinascita. Con il Cristianesimo diviene simbolo della resurrezione e si lega quindi alla Pasqua di Gesù.
Molte sono le testimonianze sull’uso nel Medioevo di regalarsi uova tra innamorati, o come premio e trofeo, o come regalo pasquale alla servitù.
Soltanto dal 1300 abbiamo testimonianze di creazione di uova artificiali in legno o in materiale prezioso come argento, platino e oro: queste naturalmente destinate ai facoltosi aristocratici.
E l’uovo di cioccolato? Sembra che sia stato il re francese Luigi XIV intorno al 1700 il primo a commissionarlo. Le tecniche di lavorazione erano ancora elementari e quindi queste prime uova, e fino al 1800, erano uova “piene” e fatte di cioccolato grezzo, cristallino. Soltanto nel 1875 compaiono le uova di cioccolato come le conosciamo oggi, poiché le tecniche di lavorazione del cioccolato erano state raffinate e grazie all’estrazione del burro di cacao dalla pasta di cacao, e al successivo “concaggio” e “temperaggio”, si poteva finalmente dare forma ad un uovo di cioccolato cavo. Un ruolo importantissimo per il conclusivo perfezionamento nella lavorazione lo diede nel 1920 la Casa Sartorio a Torino, città regina nella lavorazione del cacao e antesignana nella diffusione delle “botteghe del cioccolato”, che brevetta uno stampo “a cerniera”.
Proprio in quegli anni comincia la sua comparsa vincente la consuetudine di inserire una sorpresa nell’uovo cavo (già l’orafo alla corte dei Romanov Peter Carl Fabergé aveva stupito il mondo con le sue preziose e inestimabili uova-gioielli con sorpresa) e proprio questa usanza confermerà la supremazia e la vittoria definitiva dell’uovo di cioccolato rispetto alla lunga tradizione popolare dell’uovo di gallina colorato e decorato.
I DIRITTI NEGATI DEL CIOCCOLATO
Nel mondo 14 milioni di persone lavorano nelle piantagioni di cacao, tra cui più di 2 milioni di bambini. Considerando i familiari, circa 45 milioni di persone traggono sostentamento dalla coltivazione del cacao. In Africa, dove si produce il 75% del cacao, 200.000 bambini e ragazzi tra i 5 e i 15 anni sono sottoposti ad una vera e propria “tratta”: lavorano nelle grandi piantagioni, sottopagati se non gratuitamente, maltrattati, malnutriti e dopo il lavoro tenuti rinchiusi. Il fenomeno riguarda numerosi Paesi dell’Africa occidentale, in primis Costa d’Avorio.
Numerosissime sono state e ancora sono le denunce contro le grandi multinazionali del cacao, che si mostrano totalmente disinteressate alla condizione di estrema povertà dei lavoratori utilizzati e al rispetto dell’ambiente. Purtroppo il grande impegno di documentazione, denuncia e sostegno, di associazioni umanitarie come International Labor Rights Forum, Emergency, Save The Children, insieme a realtà associative più piccole e meno note (come SOLE Onlus), non ha cambiato lo stato delle cose, ma ha aiutato concretamente migliaia di lavoratori sfruttati e ha sensibilizzato l’opinione pubblica mondiale fornendo strumenti per un’oggettiva informazione.
Grazie alla consapevolezza, intorno al 1960 è nato il “commercio equo e solidale” o commercio equo (Fair Trade): una forma di commercio internazionale che vuole garantire ai produttori dei Paesi in via di sviluppo, un prezzo giusto e predeterminato, assicurando anche la tutela del territorio. Si oppone alla massimizzazione del profitto delle multinazionali e delle catene di distribuzione organizzata, e cerca il rispetto del produttore locale e la qualità del prodotto, attraverso la vendita diretta al cliente finale, eliminando la catena di intermediari. Elemento qualificante del commercio equo è quello di promuovere l’alleanza di piccoli produttori attraverso la costituzione di cooperative, per aumentarne la forza contrattuale e opporsi ai grossisti locali o internazionali, presso i quali si riforniscono quelle multinazionali che hanno sempre avuto gioco facile nel determinare un prezzo di acquisto al ribasso.

Se vuoi ricevere le newsletter da SOLE Onlus, scrivi una mail  a: info@soleonlus.org

lunedì 13 marzo 2017

Torna l'UOVO SOLE! 

Vogliamo mpegnarci a migliorare l'asilo Girassol per questa campagna di Pasqua.
Iniziato nel 2004, questo asilo fornisce una istruzione primaria ma é anche una importantissima fonte di amore e sicurezza per i bambini. Al loro interno i piccoli sono a contatto con una realtà serena, possono giocare ed essere coccolati dalle insegnanti dimenticando, per un po’le difficoltà di tutti i giorni. La squadra dell'asilo Girassol, è composta dalle sorelle Suor Anália che è la coordinatrice e Suor Rita, i 3 educatori, Domingos (classe dei bimbi di 5 anni), Raymundo (classe dei bimbi di 4 anni) e Cecilia (classe dei bimbi di 2-3 anni); Florinda, responsabile della cucina.
Vista la situazione di povertà in cui versano molte famiglie, abbiamo deciso  anche di offrire la colazione e il pranzo, e la verità è che notiamo come questo sia molto di aiuto nel processo educativo dei bambini, infatti hanno più energie per l'apprendimento.
I bambini sono sereni e accolgono le proposte di attività ludica e prescolastica con entusiasmo.
I progressi dall-inizio di questo progetto sono stati notevoli, passando da un numero di scritti iniziali di circa 30 bambini a piú di un centinaio attuali. Per continuare questa nostra missione abbiamo bisogno di te! Aquistndo un uovo di Pasqua Sole puoi aiutarci: 280 grammi di cioccolato al latte o fondente per la Campagna all’Asilo Girassol in cui sosterremo 150 bimbe e bimbi e realizzeremo un nuovo serbatoio per l’acqua.                                      
Il confezionamento delle uova viene realizzato manualmente nei laboratori di Libero Mondo a Bra da ragazzi disabili o con fragilità e gli ingredienti e la sorpresa sono equo solidali.
Il nostro Uovo è Slave free, in nessuna fase, dalla raccolta delle fave alla distribuzione, vengono sfruttate persone ed è prodotto da una pasticceria piemontese con ingredienti di altissima qualità. Inoltre puoi scegliere il cestino di Pasqua dolci bontà!

Ti chiediamo sia per l’Uovo sia per il cestino un’offerta minima di 11 €.

Prenotazioni e consegne:
Torino Centro; Grattacielo ISP: Paola 329 2213250
Moncalieri CCM ISP: Paolo 338 8312613
Grugliasco e Collegno: Stefano 335 7744207
Collegno: tutti i venerdì dalle 16 alle 19, nostra sede Via Fiume 12 (retro edificio)
Novità: Consegne a domicilio per ordini superiori alle 12 unità!

Grazie per l’aiuto che potrai darci nel promuovere la nostra Pasqua solidale!

martedì 7 febbraio 2017

Ricomincia l'anno nuovo!



Venerdì 3 Febbraio si è tenuto il 2° evento del 2017 nella sede di SOLE all’insegna dell’incontro con i migranti e la loro vita qui in Italia. Le testimonianze sono state tante; dai racconti dei nostri Amici africani sono emerse le difficoltà nell’affrontare la vita di tutti i giorni, barcamenandosi tra l’angoscia per il rinnovo dei documenti e la diffidenza dei propri vicini di casa. E tutto questo, spesso, nel completo isolamento, senza avere un amico a cui raccontare le proprie preoccupazioni e le progressive conquiste. Emerge l’importanza di una rete sociale che accolga la diversità e la sostenga, creando momento di confronto e ascolto autentico e reciproco, anche solo davanti ad un thè. In questo quadro ciascuno di noi si è chiesto che cosa possiamo fare noi comuni cittadini. Gladys, da 20 anni in Italia, ci chiede: “Ma che cosa posso fare io per “rompere il ghiaccio” con la mamma di una compagna di classe di mia figlia, che sul pullman quasi non mi saluta?”. Ecco cosa possiamo fare noi per “rompere il ghiaccio”, abbattere la barriera del timore e della diffidenza?
Me lo chiedo mentre sto riaccompagnando Gladys a casa e mi rendo conto un attimo dopo che la barriera la stiamo abbattendo proprio adesso: io, lei e le nostre risate sulla vita. L’incontro con la diversità è davvero possibile. 
Sara


lunedì 21 novembre 2016

PRESETIK 2016!

>Anche quest'anno torna Presetik, il nostro mercatino di Natale!
Eccellenze alimentari italiane e artigianato equo solidale sono i prodotti che presentiamo a Presetik per i vostri regali di Natale!
L'intero riavato verrà devoluto per sostenere le borse di studio delle ragazze del Lar di Pemba, ragazze provenienti da situazioni socio - economico difficili, a cui è stata la possibilità di studiare e costruirsi un futuro migliore.
Vi aspettiamo dal 2 all'8 dicembre alla Nave di Grugliasco (Via Lanza 31) e dal 10 al 23 nella Sede di SOLE, Centro Incontro Regina, di Collegno (Via Fiume 12); orario giorni feriali 16-20, giorni festivi 10-20.
<

martedì 27 settembre 2016

Grazie

Sono arrivati alla Missione di Ille da Suor Dalmazia i colori e i quaderni donati dalle scuole Alba Serena e Cafasso
Grazie a tutti i bambini , genitori e insegnanti!